E' stato aperto un nuovo bando del Piano di Sviluppo rurale che sostiene l'imboschimento di terreni agricoli e non agricoli con l'utilizzo di specie legnose adatte alle condizioni stazionali e climatiche della zona interessata nel rispetto di specifici requisiti ambientali, prevedendo tre azioni:

IMG 20180516 163247

Impianti di arboricoltura da legno a ciclo breve - pioppeti (durata minima di 8 anni);

  • impianti di arboricoltura a ciclo medio-lungo (min. 20 anni), distinta in due sottoazioni:
    - 2A) arboricoltura da legno a ciclo medio-lungo;
    - 2B) arboricoltura con specie tartufigene;
  • impianti di bosco permanente (durata minima 20 anni, ma non reversibili).

BENEFICIARI: soggetti pubblici o privati, tranne che per la pioppicoltura dove non sono ammessi i soggetti pubblici.

CONTRIBUTI PREVISTI

per l’impianto fino a:

  • 4.000 €/ha per pioppeti monospecifici
  • 5.000 €/ha per pioppeti più altre latifoglie
  • 7.000 €/ha per l’arboricoltura con latifoglie a ciclo medio-lungo
  • 8.000 €/ha per il bosco permanente

per la manutenzione:

  • 0 €/ha anno per pioppeti monospecifici
  • 0 €/ha anno per pioppeti più altre latifoglie
  • 600 €/ha anno per 5 anni per l’arboricoltura con latifoglie a ciclo medio-lungo se il richiedente è un soggetto privato;
  • 0 €/ha anno per l’arboricoltura con latifoglie a ciclo medio-lungo se il richiedente o il proprietario del terreno è un soggetto pubblico;
  • 500 €/ha anno per 10 anni per il bosco permanente se il richiedente è un soggetto privato;
  • 0 €/ha anno per l’arboricoltura con latifoglie a ciclo medio-lungo se il richiedente o il proprietario del terreno è un soggetto pubblico;

per i mancati redditi:

  • non riconosciuti alle domande per la realizzazione di pioppeti
  • non riconosciuti se il richiedente o il proprietario del terreno è un soggetto pubblico.
  • 600 €/ha anno per 10 anni per l’arboricoltura a ciclo lungo
  • 700 €/ha anno per 10 anni per il bosco permanente

SUPERFICI AMMESSE

di proprietà pubblica o privata che risultino ad uso agricolo dall’ultima validazione del fascicolo aziendale (effettuata a partire dal 18-12-2017):

seminativi, coltivazioni legnose agrarie permanenti. Sono escluse le superfici classificate a pioppeto.

Fa eccezione l’impianto di bosco permanente ammesso anche su superfici non agricole.

SUPERFICIE MINIMA: 2 ha in corpi di almeno 0,5 ha tranne che per gli impianti tartufigeni dove è di 1 ha in corpi da 0.25 ha.

SCADENZA: 30/09/2020

TERMINE ULTIMO PER LA RENDICONTAZIONE DELL’IMPIANTO: 30/06/2022

DOTAZIONE FINANZIARIA: 1.900.000 €

Per ulteriori informazioni contattare lo sportello forestale in orario di ufficio: 0125-798129 o consultare il sito della Regione Piemonte al seguente link